Dancer Inside Brazil

dancerL’architetto e fotografo romano Simone Ghera sceglie il Brasile come sfondo alle pose plastiche delle sue ballerine di danza classica, un soggetto caro a Ghera nel quale si è specializzato negli ultimi anni tanto da farne una materia di studio. Il linguaggio della danza sebbene sia universalmente leggibile e riconoscibile è tuttavia influenzato dal contesto in cui viene inserito acquistando di volta in volta valenze ed emozioni diverse. Nel caso degli scatti in terra carioca l’arte del movimento si fonde in armonie nuove con la complicità dei fattori Natura-Ingegneria-Cultura. “Anche se il movimento è considerato l’essenza della danza – afferma Ghera – quello che mi attrae sono gli angoli statici e le linee create dai danzatori stessi. La fotografia permette di catturare un dettaglio architettonico, un intreccio di linee, sguardi prospettici che vanno oltre uno sfondo o di un soggetto in primo piano. Cerco così di avvicinarmi alla danzatrice come a “una persona”, catturando il duro lavoro alla sbarra, il sudore, l’espressione degli occhi esausti, sfruttando le linee e i dettagli durante l’esercizio e il momento di relax. In breve sono molto più interessato alla formazione quotidiana di una ballerina piuttosto che alla performance sul palco. Di solito mi piace posizionare i miei soggetti su un lato piuttosto che al centro del telaio, dando grande importanza allo sfondo, come anche su un orizzonte basculante che offre più opzioni per guardare la scena.” (ph_www.simonegheraphotography.com)

Dal 29 febbraio al 25 marzo
Dancer inside Brazil
Galleria Candido Portinari dell’Ambasciata del Brasile
Piazza Navona, 10
Orari: lun-ven 10.00 – 17.00
ingresso libero
www.simonegheraphotography.com

più letti