Aperto a Roma il Parco Archeologico del Celio con il nuovo Museo della Forma Urbis

Aperto a Roma dal 12 Gennaio il nuovo Parco Archeologico del Celio: un’area verde a due passi dal Colosseo ricca di importanti testimonianze di architettura ed urbanistica romana. I visitatori avranno l’opportunità di approfondire la conoscenza della Roma antica grazie anche alla grande pianta della Capitale incisa su marmo, per volontà dell’Imperatore Settimio Severo, che torna visibile dopo quasi 100 anni. All’interno del Museo della Forma Urbis, nell’ex palestra della GIL, collocata sul pavimento sotto uno spesso vetro calpestabile, sono inseriti i frammenti della Forma Urbis, sovrapposti, come base planimetrica, alla Pianta Grande di Giovanni Battista Nolli del 1748. La pianta marmorea era esposta originariamente sulla parete di un’aula nel Foro della Pace che fu in seguito inglobata dal complesso dei SS. Cosma e Damiano nell’area del Foro Romano. Era incisa su 150 lastre di marmo applicate alla parete con perni di ferro e occupava uno spazio di circa 18 metri per 13. Il Parco Archeologico è visitabile tutti i giorni ad ingresso gratuito, mentre per il Museo della Forma Urbis è previsto un biglietto d’ingresso.

Parco Archeologico del Celio e Museo della Forma Urbis
Ingressi: Viale del Parco del Celio 20/22 – Clivio di Scauro 4
Orari: Il Parco Archeologico del Celio è aperto tutti i giorni dalle 7.00 alle 17.30 (ora solare) e dalle 7.00 alle 20.00 (ora legale). Chiuso il 25 dicembre e il 1° maggio. Il Museo della Forma Urbis è aperto dal martedì alla domenica dalle 10.00 alle 16.00 (ultimo ingresso un’ora prima). Chiuso il lunedì, 25 dicembre, 1° maggio.
Tariffe: Parco Archeologico del Celio: ingresso gratuito – Museo della Forma Urbis: Intero Non Residente € 9,00 – Ridotto Non Residente € 6,50 Intero Residente € 6,50 – Ridotto Residente € 5,50
Info: www.sovraintendenzaroma.it

più letti