Back to Momix. Ritorno al futuro al Teatro Olimpico di Roma

È un viaggio in avanti e indietro nel tempo, tra fuchi che danzano come antichi assiro-babilonesi, esseri che camminano carponi in un’ambientazione fuori dai confini della mente, fiori che si dischiudono in ballerine di flamenco, amori tinti di rosso citando Jeff Koons, petali come macro ventagli a fendere l’aria sul palco. E’ l’ipnotico spettacolo “Back to Momix” in scena sino al 19 novembre al Teatro Olimpico di Roma ospite dell’Accademia Filarmonica Romana: 17 strabilianti quadri per 8 ballerini, suddivisi in due tempi da 45 minuti ciascuno. Ancora una volta, dopo 43 anni di rappresentazioni, il Direttore Artistico dei Momix Moses Pendleton – insieme alla moglie Cynthia Quinn – è capace di stupirci con una infinita creatività frutto di una lunga esperienza. Corpi scolpiti, acrobazie a prova di gravità, sinuose movenze, passi ritmati e scenografie da urlo fanno di questo nuovo spettacolo la summa di tutti i migliori pezzi della Compagnia: dai grandi classici come Millennium Skiva – dove una coppia di avveniristici ballerini creano sul palco l’illusione dello sci acrobatico – a Man Fan che ci conduce nel mondo di Botanica, passando per Brain Wave, il ginnico Table Talk, Light Reign, Red Dogs e il bellissimo Paper Trails dove veniamo trasportati letteralmente in un’altra dimensione tra carta stampata, microchip e viaggi interstellari. Imperdibile! (credits ph_courtesy of AFR Press Office: in apertura, MOMIX_ManFan_Renato Mangolin; a seguire, Momix_TableTalk; un intenso ritratto di Moses Pendleton)

Danza, arte, creatività
Lo spettacolo nasce dal desiderio di tornare sulle scene dopo anni difficili che hanno forzatamente allontanato la Compagnia dal suo pubblico, con un rinnovato desiderio di leggerezza e spensieratezza e uno sguardo sempre teso al futuro: da qui il gioco di parole del titolo che richiama un noto film degli anni ’80. Otto i danzatori illusionisti che ritroveremo sul palco: Jessica Adams, Blake Bellenger, Anthony Bocconi, Alison Coleman, Nathaniel Davis, Adrienne Elion, Kelly Trevlyn-Fatscher, Seah Hagan. Diversi poi gli estratti da Botanica che nasce dalla passione per la natura di Pendleton: “Mi sono ispirato per prima cosa a Vivaldi e al suo ciclo delle Quattro Stagioni”- racconta il coreografo che arricchisce il panorama sonoro dello spettacolo con numerose diverse fonti sonore, oltre al classico Vivaldi – “Si vede un fiore in un uccello, un essere umano in una roccia, una donna in un uomo. Bisogna usare la fantasia, l’immaginazione, la creatività. Nei nostri spettacoli cerchiamo di provocare quella che io chiamo ‘optical confusion’: un modo per eccitare i nervi del cervello e stimolare la creatività” prosegue Pendleton. In programma troviamo anche Baths of Caracalla, omaggio a Roma da Momix ReMix, Lunar Sea spettacolo ispirato al paesaggio lunare e alle sue particolari atmosfere e altri numerosi quadri sia ironici che surreali in perfetto stile Momix.“Il mondo Momix è un fun word. Ci divertono molto i giochi di parole che trasferiamo visivamente sulla scena attraverso le nostre coreografie e i nostri costumi” dichiara infatti Pendleton. (Fonte: AFR Press Office) Dopo Roma, lo spettacolo prosegue la tournée a Firenze (22-26 novembre Teatro Verdi), Salerno (29 novembre – 3 dicembre, Teatro Giuseppe Verdi) e Civitanova Marche (Teatro Rossini, 6-7 dicembre).

Back to Momix
Sino al 19 novembre 2023
Teatro Olimpico
Piazza Gentile da Fabriano, 17 Roma
da martedì a venerdì ore 20.30, sabato ore 16.30 e 20.30, domenica ore 17.30
Biglietti: da 34,50 a 52,50. Ragazzi da 3 a 12 anni 23 euro (prezzi comprensivi di prevendita).
Info: www.filarmonicaromana.org www.teatroolimpico.it Tel. 342-9550100, 06-3201752 promozione@filarmonicaromana.org ; biglietti@teatroolimpico.it

più letti