Piazzolla, la rivoluzione del tango. Pescare squali e suonare nel docu-film dall’8 Ottobre in Italia

E’ passione, storia, musica, fotografia. “Piazzolla, la rivoluzione del tango”,il docu-film di Daniel Rosenfeld – distribuito da EXIT Media con il patrocinio dall’Ambasciata della Repubblica Argentina in Italia –è dedicato alla creazione artistica del “tango nuevo” e celebra i 100 anni dalla nascita del grande musicista. Ma la pellicola è anche lessico familiare sui rapporti fra Astor Piazzolla e il padre Nonino; sul viaggio a New York e il ritorno a Buenos Aires. Un substrato culturale senz’altro sui generis, che permetterà all’Artista di andare alla ricerca di qualcosa di musicalmente innovativo, rivoluzionario, nuovo per seguire solo la propria passione interiore. Accusato da un tassista di Buenos Aires di essere “comunista” per aver cambiato le note tradizionali del tango argentino, Piazzolla raggiunge il successo spesso osteggiato dagli ortodossi del tempo. Invece la sua è una vera dichiarazione d’amore ricca di contrasti ma irrefrenabile, verso l’arte, Buenos Aires, il nucleo familiare e il bandonéon. Protagonista di ogni esibizione, lo strumento principale del tango argentino pesa ben 10 kg, come lo stesso Piazzolla dichiara nel documentario paragonando le sue impegnative performance artistiche alla faticosa e meditativa pesca allo squalo: “Se non posso più suonare il bandoneon significa che non posso più catturare squali. E viceversa”.

Sinossi
Il documentario franco-argentino è ricco – in un sublime montaggio – di scatti d’epoca, concerti, nastri vocali, riprese in super8. Per la prima volta, infatti, si aprono al grande pubblico gli inediti archivi del mitico bandonéonista che raccontano la vita di Piazzolla dall’infanzia a Manhattan agli esordi musicali al fianco di alcuni dei più grandi compositori dell’epoca; dal rapporto con la famiglia fino alla passione per la caccia agli squali; dal rientro a Buenos Aires alla rivoluzione degli anni Settanta con “Libertango”, l’album del 1974 inciso in Italia con cui si sancisce ufficialmente la nascita del Nuevo Tango. Un film intriso di una sottile malinconia (in onore del “pensiero triste che si balla”), fortemente toccante nel suono e nelle immagini, come lo stesso Regista ha dichiarato: “Ho cercato di creare una narrazione ‘sensoriale’, capace di offrire allo spettatore un’esperienza evocativa, grazie anche all’accesso ad uno straordinario materiale inedito, come la voce di Astor Piazzolla che racconta i suoi ricordi e le sue avventure, registrata da sua figlia Diana”. Da non perdere, nelle sale italiane l’8 Ottobre. (credits ph_@EXIT MEDIA, courtesy of Gargiulo&Polici Communication: in apertura, uno scatto in b/n che ritrae l’Artista durante una esibizione con il suo immancabile bandonéon; a seguire: due frames dalle pellicole in super8 contenute nel documentario)

www.exitmedia.org
www.danielrosenfeld.com
Il Nuevo Tango in Italia
E’ un genere che incorpora tonalità e sonorità jazz al tango tradizionale, utilizzando dissonanze ed elementi musicali innovativi. In Italia, oltre al già citato Libertango, Piazzolla registra la memorabile trasmissione della Rai “Teatro 10” condotta da Alberto Lupo; è qui che conosce Mina, con cui inciderà anche “Balada para mi muerte”, brano del 1972. Molti altri brani, invece, verranno tradotti da Angela Denia Tarenzi e interpretati da cantanti come Edmonda Aldini (che a Piazzolla nel 1973 ha dedicato un intero 33 giri, Rabbia e tango), Milva e Mina.
L’11 Marzo 2021 l’Ambasciatore designato Roberto Carlés omaggerà la figura di Astor Piazzolla incontrando in diretta streaming Daniel Rosenfeld, regista e produttore dell’acclamato documentario Piazzolla, la rivoluzione del tango (Piazzolla, los años del tiburón).

Scheda tecnica
Titolo originale: Piazzolla, los años del tiburón, Argentina / Francia / Spagna / Giappone 2019 Colore e b/n – 90 min.
Scritto e diretto da DANIEL ROSENFELD Direttore della fotografia RAMIRO CIVITA Montaggio ALEJANDRO CARRILLO PENOVI Musiche originali ASTOR PIAZZOLLA Prodotto da FRANÇOISE GAZIO, DANIEL ROSENFELD Una produzione IDÉALE AUDIENCE, DANIEL ROSENFELD FILMS Una coproduzione DIRECTV, ARTE, INA, TORNASOL, ACONTRACORRIENTE, JAPAN, CNC, PROCIREP, ANGOA