Museo dell’Ara Pacis

ara-pacisOpera di Richard Meier, costruita in acciaio, travertino, vetro e stucco, è il primo grande intervento architettonico-urbanistico attuato nel centro storico di Roma dai tempi del Fascismo: è una struttura dai caratteri trionfali, con chiari accenni allo stile imperiale romano. Si erge sopraelevato e richiama in luce il Mausoleo di Augusto sulla sinistra del manufatto architettonico, mentre ampie superfici vetrate consentono di ammirare l’Ara Pacis in condizioni di luminosità uniformi. Il colore bianco è il marchio di fabbrica di Richard Meier; le lastre di travertino che decorano parte dell’edificio sono invece frutto delle modifiche apportate dall’architetto in corso d’opera (originariamente erano previste superfici di alluminio), dopo un riesame del progetto in seguito alle polemiche sorte con alcuni nostalgici della vecchia teca, costruita nel 1938 nell’ambito dei lavori di realizzazione della piazza Augusto Imperatore diretti dell’architetto Vittorio Ballio Morpurgo. museo_dell_ara_pacis_galleryIl complesso museale è suddiviso in tre settori principali. Al primo settore, una Galleria chiusa alla luce naturale, si accede tramite una scalinata che supera il dislivello tra via di Ripetta e il Lungotevere e raccorda la nuova costruzione alle chiese neoclassiche antistanti. La scalinata presenta due elementi di richiamo al passato: una fontana, memoria del Porto di Ripetta che insisteva proprio su quest’area, e una colonna che misura dall’Ara la stessa distanza che, in età augustea, la separava dall’obelisco della grande meridiana. La Galleria, che ospita i servizi di accoglienza, assolve la duplice funzione di introdurre la visita al monumento e di “schermare” l’Ara da meridione. Superata la sua penombra, si entra nel Padiglione centrale, dove di giorno l’Ara è immersa nella luce diffusa dei lucernari e da ampi cristalli filtranti. Questa soluzione ha comportato il montaggio di oltre 1500 mq di vetro temperato, in lastre grandi fino a tre metri per cinque, tali da annullare l’effetto-gabbia del Padiglione e garantire il massimo di visibilità.
Il terzo settore, a nord, ospita una Sala per convegni disposta su due piani e fornita di un locale per ristorazione. Sopra la sala, un’ampia terrazza aperta al pubblico affaccia sul Mausoleo di Augusto.

Museo dell’Ara Pacis
Lungotevere in Augusta, 00186, Roma
www.arapacis.it

[wpgmza id=”5″]