Ara Güler, il lucido osservatore della storia e della società turca

A poco più di un anno dalla sua scomparsa, il Museo di Roma in Trastevere celebra Ara Güler che il prestigioso British Journal of Photography Yearbook ha definito uno dei sette migliori fotografi al mondo ed insignito del titolo di “Master of Leica”. La mostra monografica romana è dedicata alle opere in bianco e nero di questo fotografo di origine armena che ha lasciato un patrimonio di oltre due milioni di scatti. Le fotografie di Ara Güler a partire dagli anni ’50, rappresentano principalmente la città di Istambul per un totale di 45 vedute in bianco e nero a cui si affianca una sezione composta da 37 scatti interamente dedicata ai ritratti di personaggi del mondo dell’arte, della letteratura, della scienza e della politica. Vi troviamo tra gli altri Federico Fellini, Sophia Loren, Bernardo Bertolucci, Antonio Tabucchi, Papa Paolo VI e Winston Churchill. Di lui dice il Presidente Recep Tayyip Erdoğan:” Il viaggio artistico di Ara Güler, che mise Istanbul, dove fu nato e cresciuto, al centro della sua vita e della sua arte, racchiude in sé una sintesi della nostra storia recente. Lo ricorderemo sempre con profondo rispetto come una delle più edificanti testimonianze della figura del “vero artista” nel nostro Paese, con il suo linguaggio originale, avvincente e prolifico, libero da ogni forma di bigottismo.”

Dal 30 gennaio al 3 maggio 2020
Ara Güler
Museo di Roma in Trastevere, Piazza S. Egidio 1b
www.museodiromaintrastevere.it
www.museiincomune.it; www.zetema.it