Ragazzi di vita. Storie di ordinaria periferia.

Torna per la quarta volta all‘Argentina Ragazzi di vita, quel capolavoro di struggente anarchia borgatara di Pier Paolo Pasolini per la regia del premiatissimo Massimo Pololizio. Riadattato per il palcoscenico da Emanuele Trevi, e divenuto subito un caso teatrale, ci restituisce intatto il lirismo e la ferocia del romanesco pasoliniano che, attraverso i diciannove interpreti, ci offre pagine di un’umanità ruvida, vivida e indolente in lotta con la quotidianità di una periferia povera e degradata.

I “ragazzi” di cui parla Pasolini sono persone che lottano con la quotidianità. Una vitalità infelice, la loro, e la cosa più commovente in quest’opera è proprio la mancanza di felicità – così Popolizio racconta il suo Pasolini – I “ragazzi di vita”, più in generale, sono un popolo selvaggio, una squadra, un gruppo, un branco di povere anime perdute ritratte nei dettagli del testo, “cammini con le scarpe scarcagnate a viso in giù… se ne sta appeso così, con gli occhi scintillanti come du’ cozze”. Ma dal ritratto bisogna togliere la sociologia, il riferimento nostalgico a un popolo inurbato che Pasolini osservava già sul crinale della sua scomparsa. C’è la figurazione di qualcuno che non c’è più nella realtà, ma che esiste attraverso il teatro, nel corpo dell’attore, che è l’unica attualizzazione possibile.(…) Ho cercato di dar vita ad uno spettacolo corale in cui gli attori vengono proiettati in situazioni che si passano da testimone a testimone, e in cui i vari pezzi sono assemblati da un furore collettivo che fa da collante allo svolgersi della storia».”
(ph_courtesy of Achielle Le Pera)

Dal 15 al 27 ottobre 2019
Ragazzi di vita
Teatro di Roma – Teatro Argentina – Largo di Torre Argentina, Roma
Biglietteria: 06.684.000.311/314 – www.teatrodiroma.net
Biglietti: intero 40 euro – ridotto 12 euro
Orari spettacoli:
martedì e venerdì ore 21 _ mercoledì e sabato ore 19
giovedì e domenica ore 17 _ lunedì riposo

più letti