Famiglia. Ritratto di tre generazioni divise tra odio e amore

La coraggiosa e determinata Valentina Esposito porta in scena Famiglia, ultima produzione della sua compagnia Fort Apache Cinema Teatro formata interamente da attori ex-detenuti. Dal 16 al 20 gennaio al Teatro India assisteremo ad una pièce che rappresenta tre generazioni di una famiglia che sopravvive dilaniata da antichi rancori e irrisolte incomprensioni. L’occasione di un matrimonio fornisce il pretesto per uno scontro generazionale in cui si consuma una vicenda di odio e amore sospesa tra passato e presente.

«Questo spettacolo è dedicato a chi non c’è – commenta la regista – Ai figli lontani e ai padri che sono morti mentre i figli erano lontano. Sulla scena ci sono tutti, le persone, i personaggi, i fantasmi. Non importa se non c’è più il muro di un carcere a separarli. Ancora una volta questi attori usano il teatro per quello che serve, per colmare una distanza, per aggredire il senso di colpa, per sostenere il peso del giudizio. Per parlare a chi forse è in platea o forse non c’è più. Ed è in questo sforzo e in questa necessità che ci raccontano della famiglia, della ferocia degli affetti, dell’amore e della violenza, della solitudine. Del tempo che passa. In un semplice, tragico, commovente passaggio dalla realtà alla finzione»

Dal 16 al 20 gennaio 2019
Teatro India – Lungotevere Vittorio Gassmann, 1
Famiglia
scritto e diretto da Valentina Esposito
con Alessandro Bernardini, Christian Cavorso, Chiara Cavalieri, Matteo Cateni, Viola Centi, Alessandro Forcinelli, Gabriella Indolfi, Piero Piccinin, Giancarlo Porcacchia, Fabio Rizzuto, Edoardo Timmi, Cristina Vagnolie con Marcello Fonte
costumi Mari Caselli – scenografia Andrea Grossi – luci Alessio Pascale – musiche Luca Novelli – fotografo di scena Jo Fenz
www.teatrodiroma.net