Arcadi Volodos, cuore e tecnica in scena all’Auditorium

Arcadi Volodos, dopo tre anni di assenza, torna ad esibirsi lunedì 26 novembre all’Auditorium Parco della Musica (Sala Santa Cecilia, ore 20.30). Il pianista russo, che vanta oltre ad una tecnica sopraffina anche un’eccellente capacità espressiva, arricchisce le sue esecuzioni con un’infinita varietà di colori che lo rendono unico nel suo genere. Volodos aprirà il suo recital ceciliano  con la Sonata D. 157 e i Sei Momenti musicali di Schubert, seguirà un ampio spazio dedicato a Rachmaninoff del quale sarà possibile ascoltare tre Preludi (op. 3 n.2; op. 23 n. 10 e op. 32 n. 10 nei quali espressività e virtuosismo sono presenti in egual misura), la Melodia op. 21e la Sonata per violoncello e pianoforte op. 19 entrambe in una versione arrangiata dallo stesso Volodos. Conclude il programma la Sonata n.5 di Skrjabin, dove Volodos avrà modo di esplorare la gamma espressiva delle timbriche del pianoforte in un’alternanza di furore virtuosistico e di rarefatte estasi sonore.

Il 26 novembre
Auditorium Parco della Musica, Sala Santa Cecilia ore 20.30
Via Pietro de Coubertin, 30
www.auditorium.com

 

 

più letti