Villa Laetitia. Stilemi anni Venti per Roberta Bacarelli

Roma, Caput Modae. La location è Villa Laetitia, al 22 di Lungotevere delle Armi nel Quartiere della Vittoria. Dimora storica progettata da Armando Brasini nel 1911, la villa – proprietà della Famiglia Fendi Venturini – è un meraviglioso capolavoro in stile con un magnifico giardino d’inverno. E proprio in questo sinuoso spazio si è svolta la sfilata di Roberta Bacarelli domenica scorsa, tra vetrate storiche, volte affrescate e ringhiere d’epoca in ferro battuto. Ispirata al caschetto moro ma soprattutto alla spregiudicata femminilità della ballerina Louise Brooks, la Collezione Primavera/Estate 2018 è tutto un ritorno agli stilemi degli Anni ’20: disegni geometrici, greche, allusioni al mondo egizio. E fra satin e organze, pregiati ricami a punto pieno, tessuti in rosa cipria ma anche in verde smeraldo e arancio, rosa fucsia e giallo oro, viola e marrone, la palette di colori appare subito inaspettata. Su 45 outfit regna sempre l’eleganza, l’ironia e la provocazione: per gli abiti a vita bassa, le ampie cappe, le jumpsuite morbide, le linee a uovo o i minidress a sottoveste. Si vedono finalmente anche dei sorrisi, fra piume fluttuanti, frange, pizzi e sete, paillettes e forme anni venti dai tagli rivisitati in chiave attuale. A chiudere, passi di charleston a ricordare quegli anni in cui le donne cominciavano a esprimere la propria indipendenza in primis attraverso la moda. (ph_courtesy of  Barbara Manto & Partners; MDB)

più letti