Voglia d’Italia. Mostra sul collezionismo internazionale.

A cavallo fra il XIX e XX i coniugi statunitensi George Washington Wurts e Henriette Tower misero insieme una raccolta di opere che in seguito donarono allo Stato italiano e per l’esattezza al Museo di Palazzo Venezia, dov’è tutt’ora conservata. L’idea della mostra Voglia d’Italia è proprio quella di sottolineare quella particolare forma di collezionismo che tra l’Ottocento ed il Novecento si legò all’Italia concretizzandosi in una serie di donazioni di singole opere ed intere raccolte. Vengono illustrate le dinamiche del collezionismo internazionale, soprattutto anglo-americano, sullo sfondo delle vicissitudini di una giovane nazione italiana e della sua nuova capitale, Roma. Molte delle opere presenti, tolte dai depositi e restaurate per l’occasione, ci raccontano di un mondo fatto di aste, di mercanti e di mercato attraverso un percorso espositivo di solito non accessibile al pubblico (le Gallerie Sacconi del Vittoriano) restituendo visibilità all’architettura interna del monumento.

La mostra – afferma la direttrice del Polo Edith Gabrielli – si pone come un momento chiave nella strategia del Polo Museale del Lazio. Rigorosamente site-specific e contraddistinta da un rimarchevole impegno culturale, essa sottolinea il rientro nel circuito del grande pubblico di Palazzo Venezia e del Vittoriano”.

Dal 7 dicembre 2017 al 4 marzo 2018
VOGLIA D’ITALIA
Il collezionismo internazionale nella Roma del Vittoriano
Roma, Palazzo Venezia e Vittoriano, Gallerie Sacconi